COMUNE DI #CIVITANOVA MARCHE: DOMENICA 11 DICEMBRE UN GRANDE EVENTO DI SOLIDARIETÀ

Stato della segnalazione:
closed
Descrizione:

Luci di Natale accese a Civitanova per illuminare di solidarietà i territori feriti dal sisma. Domenica 11 dicembre, dalle ore 8 alle 20, la zona pedonale di piazza XX Settembre sarà trasformata in spazio dedicato alle persone che hanno subìto il dramma del terremoto. Saranno organizzati due momenti, uno dedicato ai mercatini dei prodotti dell’Appennino marchigiano, con l’allestimento di 35 stand di produttori locali (Visso, Camerino, Castelluccio ec.), e un programma artistico-culturale, che vede la direzione artistica di Giorgio Felicetti, che si apre alle 12 dopo la messa celebrata nella chiesa di San Pietro. “Civitanova ha sviluppato una straordinaria solidarietà verso i terremotati – ha detto Silenzi – generosità di cui andiamo fieri, perché non si tratta di uno spot momentaneo, ma una gara prolungata e continuativa che si protrae nel tempo. Domenica 11 ospiteremo 35 espositori, che saranno in piazza, senza spese a loro carico, e che venderanno i prodotti tipici dal ciauscolo alla vernaccia, alla lenticchia e moltissimo altro. Ma il centro non sarà solo un palcoscenico commerciale perché l’Amministrazione ha pensato di arricchire il programma con eventi culturali curati da Giorgio Felicetti”. Gli eventi sono organizzati dal Comune di Civitanova in collaborazione con Coldiretti, Copari, Slow food, ConfArtigianato, in collaborazione con Noi Marche. Presenti anche le associazioni di volontariato “Io non crollo”, associazione Alzheimer Camerino “Tempo per le famiglie”, “Help” di San Severino. Questo il programma culturale che richiamerà oltre 150 artisti: chiesa San Pietro, Ambrogio Sparagna, CONCERTO DI NATALE PER L’APPENNINO, organetto, zampogna. Erasmo Treglia (ciaramella, ghironda, violino a tromba, tofa), Marco Tomassi (zampogna gigante), Marco Iamele (zampogna melodica). Un viaggio nella memoria musicale che permette di scoprire la tradizione popolare del Natale lungo la dorsale appenninica: il concerto propone canti religiosi popolari ed altri appositamente composti da Ambrogio Sparagna affidandoli all’interpretazione originalissima di un quartetto di strumenti popolari fra cui una zampogna gigante, alta quasi due metri, diffusasi nel regno di Napoli a partire dalla fine del settecento per accompagnare il repertorio delle canzoni spirituali. In primo piano la zampogna e la ciaramella, gli strumenti più significativi della tradizione italiana, ai quali si affiancano l’organetto, la ghironda, il torototela (violino a tromba), la tofa (conchiglia), la traccola e una serie di altri piccoli strumenti che vengono ancora utilizzati per il tradizionale repertorio dell’Avvento e di Capodanno. Alle voci è affidato il repertorio delle novene e dei canti liturgici che risvegliano la memoria e quel sentimento di devozione e fede popolare proprio della tradizione dell’Italia centro-meridionale. A coordinare l’ensemble vocale-strumentale Ambrogio Sparagna, uno degli artisti più importanti della nuova musica popolare italiana. Ore 16.00 – Sotto l’albero: i bambini di Civitanova incontrano i bambini del terremoto. Scambio di lettere sotto l’albero. ore 16,00 – PARATA degli ARTISTI ore 16,15 – dall’Appennino fabrianese: COMPAGNIA BARACCANO in “FoLiEs” – Clownerie e giocolieria per bambini, spettacolo di interazione con il pubblico basato su gag e sketch comici. Teatro di strada, equilibrismo, giocoleria e un continuo giocare con il pubblico (replica ore 17 via Dalmazia). ore 16,30 – dall’Appennino urbinate: OSVALDO CARRETTA – “Maraviglia delle meraviglie” di e con Stefano Corrina, attrazione spettacolare di abilità artistiche, eccentriche e circensi. Uno strano personaggio dai risvolti antichi dà vita alla sua meraviglia: il bagaglio degli artisti girovaghi rivisitato in chiave moderna, coniugando le abilità del circo con l’improvvisazione (replica ore 17,15 via Dalmazia). ore 16,45 – dall’Appennino aquilano: MR. MOUSTACHE “Street Show”, Mister Mustache è un personaggio clownesco, romantico, cinico ed imprevedibile, muto e stravagante che ci accompagna in uno spettacolo comico e sorprendente. Giocoleria, numeri comici con il pubblico ed illusionismi poetici danno vita ad uno spettacolo nel quale il pubblico da spettatore diventa protagonista (replica ore 17,30 via Dalmazia). ore 17,00 – danza urbana, MANUELA RECCHI & ART SEM FRONTEIRA “MERRY CHRISTMAS”. Questa danza urbana è un invito al Natale allegro e pieno di gioia, quasi un flash mob, creato dalla coreografa Manuela Recchi e danzato da 15 elementi. ore 17,15 – danza urbana: LAURA GAZZANI danza “INTER NOS” con PABLO CORRADINI bandoneon – EDOARDO PETRACCI Contrabbasso, Tre strumenti: un contrabbasso, un bandoneon e un corpo. Una performance creativa live alla ricerca di un momento intimo e fragile come i nostri corpi, cercando di esprimere la complessità e la bellezza dell’accoglienza reciproca. ore 17,30 – dall’Appennino tosco-romagnolo: Ciuma & Matteo Rimini “LIBERTANCIE”. Organetto e Cornamusa. Il leader dei BEVANO EST incontra un suonatore di cornamuse popolari per un cammino musicale che dal crinale appenninico arriva alla pianura, fino al mare. ore 18,00 – Piazza xx settembre: “LA MONTAGNA CANTATA”, Centoquaranta coristi provenienti dal nostro Appennino ferito: CORALE “BONAGIUNTA” DI SAN GINESIO. Fondata nel 1981, prende il nome da Giulio Bonagiunta musico sanginesino della seconda metà del XVI secolo. Dalla sua fondazione la Corale è riuscita a collezionare oltre 1100 concerti. Dal 2012 la Corale è stata riaffidata dopo 25 anni alla direzione del Maestro Fabrizio Marchetti. Il repertorio comprende dalla musica sacra alla lirica, dalla musica delle tradizioni popolari alla musica leggera. CAPPELLA MUSICALE DEL DUOMO – CORO “UNIVERSITARIO” DI CAMERINO: Il Coro ha radici molto lontane, documenti storici narrano di una formazione corale a Camerino già dal 1500. Il Coro è attualmente guidato dal M° Silvio Catalini che ne ha assunto la direzione dal 1999. Il repertorio è molto vario e spazia dalla musica Sacra alla musica profana, dal pop al gospel. Il coro ha un’intensa attività e partecipa spesso a Rassegne nazionali ed internazionali. CORALE “CESARE CELSI” DI FALERONE: La Corale “C.Celsi” si è costituita in vera e propria Corale nel 1986 ed è stata intitolata all’illustre compositore marchigiano Don Cesare Celsi. E’ diretta dal M° Silvio Catalini. Ogni anno organizza la Rassegna Corale Polifonica “Cantincoro Falerio Picenus”. Esegue un repertorio di musica sacra e profana. CORO “SIBILLA” di MACERATA: Attivo dal 1976 e conta oggi circa trenta elementi, deve la sua impronta all’opera del compianto M° Don Fernando Morresi. Il canto di montagna viene coltivato e proposto come mezzo di condivisione e di partecipazione. E’ diretto dal M° Fabiano Pippa. Il Coro partecipa a Rassegne nazionali ed internazionali ed ogni anno organizza la “Rassegna dei Sibillini” in cui hanno partecipato più di 50 cori di montagna di tutta Italia. I cori dei Sibillini vengono accolti dal CORO JUBILATE DI CIVITANOVA MARCHE, Coordina Maestro Luigi Gnocchini

Link Fonte:
Link:
Creato:
9 dicembre 2016, 23:55:26
Aggiornato:
13 dicembre 2016, 16:52:07