Frana sulla 209 #Valnerina, Comune di #Visso spaccato a metà

Stato della segnalazione:
open
Descrizione:

Dal 24 agosto era stata monitorata, aperta e chiusa a più riprese, ma dal terremoto 30 ottobre la Valnerina, la strada ex provinciale 209 è stata presa a morsi da voragini larghe come autovetture e la frana ha modificato pure il corso del fiume Nera che ora trova il suo letto nella sede stradale. Qui, al confine tra Marche e Umbria, la frattura è netta anche per il comune di Visso, spaccato a metà. Gli abitanti delle nove frazioni del comune vissano, tra cui Molini e Chiusita affrontano un’odissea lunga più di un’ora, passando addirittura per Colfiorito, per raggiungere le Marche. Così da quattro mesi. Lo stesso giro viene compiuto dalla guardia medica e dall’ambulanza, in caso di soccorso. Così che, dalla chiamata all’arrivo in ospedale, potrebbero passare anche sei ore, dice il sindaco di Visso Giuliano Pazzaglini. Il lavoro, per chi resiste con attività commerciali e ricettive, è calato del 90%, ci raccontano. “Ho avviato una petizione su change.org e ha incassato quasi 24 mila sottoscrizioni, dice Sonia Fiorelli, combattiva ristoratrice che ora accoglie ai tavoli sono commensali umbri. La figlia, racconta, va a scuola a Preci, che si trova a quattro chilometri. “Tutti i servizi sono in Umbria, dice ancora, allora a che serve restare nelle Marche?”. La strada è una di quelle provinciali passate con la Del Rio alla Regione che a sua volta le ha date in gestione all’Anas. Da capire quali siano i tempi e le modalità d’intervento. “Se l’idea è quella di creare una galleria fino a Triponzo, nel Perugino, si parla di anni”, conferma il sindaco di Visso in attesa di conferme . Pazzaglini piuttosto auspica in prima istanza un intervento di messa in sicurezza sui versanti della montagna, con paramassi e ancoraggio. “Da iniziare subito, per non avere un comune spaccato quando avvieremo la ricostruzione, quando saranno attive le scuole, quando la gente dopo il terremoto tornerà, spero”, conclude il sindaco che confida in un confronto con Errani e Curcio domani (8 febbraio) in occasione dell’inaugurazione della nuova sede comunale del comune scosso dal sisma di fine ottobre. Al link il servizio di Etv Marche.

Link Fonte:
Link:
Creato:
20 febbraio 2017, 15:22:17
Aggiornato:
20 febbraio 2017, 16:51:37